Salviamo il Convento di S. Francesco (Tursi)

 

Dopo l’iniziativa finalizzata al recupero della fontana “La Romanesca” di Venosa, per la campagna Adotta un piccolo monumento, il CID non ha smesso di interessarsi alla tutela della cultura locale in tutte le sue forme.

 


Da Tursi, abbiamo accolto le segnalazioni sull’evidente stato di degrado in cui versa il Convento di San Francesco d’Assisi, abbandonato all’incuria e ridotto a quel che si dice un luogo fantasma nel giro di pochi anni, se si pensa che la chiesa adiacente č stata utilizzata sino agli anni ’50.
Rimasto incustodito e abbandonato a se stesso, agenti esterni, depredazioni e grossolani interventi di “restauro” ne hanno minato il prezioso contenuto: affreschi, pavimenti in pietra e volte a crociera sono solo una parte del patrimonio culturale che rischiamo di perdere.


Come Centro di Ricerca e per amore della cultura, non possiamo che farci promotori di un appello di sensibilizzazione, nella speranza di sollecitare un rapido ed efficace intervento di recupero e di tutela del monumento.